"Raccomandazioni ai compagni" (ciò che non ho mai avuto il coraggio di dire… ora con assertività ...

Iniziamo. È gratuito!
o registrati con il tuo indirizzo email
"Raccomandazioni ai compagni" (ciò che non ho mai avuto il coraggio di dire… ora con assertività sento che posso esprimermi…) da Mind Map: "Raccomandazioni ai compagni" (ciò che non ho mai avuto il coraggio di dire… ora con assertività sento che posso esprimermi…)

1. TEMA: Far fronte a noia, ansia, stanchezza, distrazione, senso di inutilità e disagio e sviluppare attenzione e motivazione, resilienza e benessere. Quali abilità/competenze devo sviluppare per star bene a scuola? Come aiutarci a far fronte ai rischi della mente impulsiva, automatica e trarne beneficio dai vantaggi? Come valorizzare la mente riflessiva, e far fronte alla fatica della sua attivazione e al dispendio energetico che ne deriva? Da dove cominciare?

2. teoria del nudging

2.1. "spinta gentile al cambiamento"

2.2. Alla base di questa teoria e della salutogenesi sta il postulato che gli uomini non sono capaci di fare le proprie scelte, di ragionare e scegliere in modo infallibile

2.3. la logica del nudging:

2.3.1. - No ai divieti, si alla libertà di scelta  Non si proibisce nulla ma si invita a scegliere - Restando comunque consapevoli che non esistono scelte libere, siamo assoggettati e condizionati dall’ambiente, da questa architettura delle scelte - In questo contesto della salute il Nudging va a favorire una scelta salutogenica, anche se non è una scelta libera, ma è condizionata dalle istituzioni (es. sanità…)

3. MODELLO DEL CAMBIAMENTO (TRANSTHEORETICAL MODEL)

3.1. facilitatori del cambiamento

3.1.1. rinforzo

3.1.2. imitazione

3.1.3. consapevolezza

3.1.4. confronto sociale

3.2. ostacoli del cambiamento

3.2.1. tendiamo al'inerzia

3.2.2. funzionamento di default

3.2.3. automatismi

3.3. 5 stadi

3.3.1. precontemplazione

3.3.2. contemplazione

3.3.3. determinazione

3.3.4. azione

3.3.5. mantenimento

4. sistemi mentali

4.1. modello pilota automatico / sistema impulsivo

4.1.1. mente automatica

4.2. modello consapevole / sistema riflessivo

4.2.1. pensiero consapevole

5. La salute dipende da fattori non sanitari!

5.1. Biologici

5.2. ambientali

5.3. psicologici

5.4. spirituali

5.5. sociali

6. INTELLIGENZA EMOTIVA E GESTIONE DELLE EMOZIONI

6.1. Cura delle relazioni interpersonali

6.2. Cura dell'ambiente lavorativo/di studio

6.3. La capacità di riconoscere e gestire le emozioni permette di far fronte allo stress in maniera piú efficace e previene quindi le situazioni di burn out e ritiro dai corsi. Al contrario, non essere capaci di autoregolare le emozioni aumenta il livello di ansia e stress.

6.4. Come svilupparla?

6.4.1. Strategie di autoconsapevolezza

6.4.1.1. Riconoscere il proprio stile emozionale

6.4.1.2. Ad esempio tramite pratiche mindfulness

6.4.2. Strategie di autocontrollo

6.4.3. Strategie di coscienza sociale

6.4.4. Strategie di gestione dei rapporti

7. PROCESSI PSICOLOGICI E PSICOSOCIALI RILEVANTI PER LA SALUTE

7.1. Stile attribuzionale / esplicativo rispetto agli eventi, interpretati secondo le categorie interno-esterno, stabile-instabile, generale-specifico

7.2. Autoefficacia come risorsa importante di salute, nella gestione dello stress e nella modificazione di comportamenti nocivi: più le persone sono convinte di poter agire efficacemente, più elevati saranno gli scopi che si proporranno, e maggiore sarà l’impegno e la perseveranza che metteranno nell’esecuzione delle azioni, anche di fronte alle difficoltà e ai fallimenti

7.3. Il confronto sociale

8. BENESSERE E FELICITA'

8.1. Benessere come "modo di viaggiare"

8.1.1. Dimensione sociale legata al contesto

8.1.2. Dimensione personale

8.1.3. I Cinque Elementi Essenziali del Benessere

8.1.3.1. Carriera

8.1.3.2. Comunità

8.1.3.3. Relazioni sociali

8.1.3.4. Situazione economica

8.1.3.5. Dimensione fisica

8.2. Felicità come dimensione soggettiva legata al momento presente, e quindi non duratura

9. quando si cambia?

9.1. quando si é pronti

9.2. certo livello di consapevolezza

9.3. intervenire quando é il momento giusto --> bisogna conoscere

10. RACCOMANDAZIONI AI COMPAGNI

10.1. Autoefficacia

10.2. Lavora sulla tua autoconsapevolezza, cura le relazioni interpersonali e l'ambiente di studio

10.2.1. Intelligenza emotiva e gestione delle emozioni

10.3. QUANDO TI ANNOI NON FAR PARTIRE LA MENTE AUTOMATICA, PRENDI CONSAPEVOLEZZA, E CERCA DI CAMBIARE IL TUO COMPORTAMENTO IN MODO DA NON PRENDERE IL TELEFONO MA CONCENTRATI SULL'INSTAURARE UN NUOVO COMPORTAMENTO COSTRUTTIVO

10.4. LEGATO ALLA PRIMA LEZIONE (MODELLO DEL CAMBIAMENTO) --> RENDERSI CONTO DEGLI AUTOMATISMI, ES. QUANDO TI ANNOI PRENDI IL TELEFONO --> ESSERNE CONSAPEVOLI E RICONCENTRARSI.

10.4.1. la mente automatica / mente consapevole

10.4.2. mindfulness

10.5. CONFRONTI SOCIALI PER DIFFICOLTÀ (ES. DISAGIO, SENSO INUTILITÀ,..)

10.5.1. SVILUPPARE STILE COMUNICATIVO PRO-SOCIALE O ASSERTIVO

10.5.2. stili emozionali

10.6. UTILIZZA UNO STILE ESPLICATIVO OTTIMISTICO SE STAI VIVENDO UN MOMENTO DIFFICILE: RICERCA LE CAUSE ALL'ESTERNO, CIRCOSCRIVENDOLE

10.6.1. psicologia positiva

10.6.2. Dimensioni del Benessere (processo)

10.6.3. ASSERTIVITA'

10.7. Bisogna incominciare prima da sé stessi, perché se non si lavora con sé stessi, l'incontro con l'altro é un disastro.

10.7.1. intelligenza emotiva

10.8. senso inutilità--> non dare per scontato le cose che tu hai. il senso di gratitudine é importante. le emozioni hanno un grand impatto sul nostro benessere, quelle positive fanno sentire meglio, questo é possibile grazie anche al confronto sociale

10.8.1. psicologia positiva

10.8.2. risorse di salute: gratitudine e riconoscere il positivo

10.9. DORS: SELF EFFICACY, ABBI FIDUCIA NELLE TUE CAPACITà DI ORGANIZZAZIONE E REALIZZAZIONE PER RAGGIUNGERE I RISULTATI CHE TI SEI PREFISSATO. CAPACITà DI INFLUENZARE GI EVENTI PER RAGGIUNGERE IL TUO RISULTATO, OBIETTIVO

10.9.1. antonovsky

10.9.2. dors

10.9.3. bandura

10.10. ASSERVITIVA + stile prosociale?'

11. PSICOLOGIA POSITIVA (4 giugno)

11.1. Percezione del controllo: Eventi positivi attribuiti a cause interne stabili ed eventi negativi attribuiti a cause esterne circoscritte. Stile esplicativo ottimistico

12. IL SENSO DI COERENZA DI ANTONOVSKY

12.1. Comprensibilità: capacità di dare significato a ciò che mi sta accadendo

12.2. Affrontabilità: percezione di avere le risorse/capacità per affrontare le situazioni --> essere consapevole di sapercela fare

12.3. Significatività: disposizione della persona a vedere le situazioni come una sfida

13. COMPETENZE NECESSARIE / ESSENZIALI PER VIVERE BENE

13.1. non-tecnical skill

13.1.1. consapevolezza della situazione

13.1.2. decision-making

13.1.3. comunicazione

13.1.4. teamwork

13.1.5. leadership

13.1.6. gestione dello stress

13.1.7. capacità di fronteggiare la fatica

13.2. life-skills

13.2.1. Capacità di prendere decisioni

13.2.2. Problem solving

13.2.3. Creatività

13.2.4. Senso critico

13.2.5. Empatia

13.2.6. Capacità di stare in relazione

13.2.7. Gestione delle emozioni

13.2.8. Gestione dello stress

13.2.9. Comunicazione efficace

13.2.10. Autoconsapevolezza