Orlando furioso, Canto l

Commencez. C'est gratuit
ou s'inscrire avec votre adresse courriel
Orlando furioso, Canto l par Mind Map: Orlando furioso, Canto l

1. Il primo canto del poema introduce le linee fondamentali della vicenda

1.1. il proemio si apre con la protasi, in cui viene esposta la materia del canto

1.1.1. dopo il proemio, ha inizio la storia, dove la bellezza di Angelica ha fatto innamorare di sé sia Orlando sia Rinaldo

2. Linguaggio utilizzato: fiorentino trecentesco

3. Luogo in cui si svolge le vicenda: la selva oscura

3.1. Spazio simbolico del vano movimento della ricerca

4. Temi principali:

4.1. l’inchiesta, cioè la ricerca di un oggetto del desiderio ( la fuga di Angelica)

4.1.1. la fuga di Angelica è il motore del canto e di tutto il poema, inizia qui e proseguirà per buona parte dell’opera

4.2. il percorso circolare che torna sempre al punto di partenza

4.3. il dileguarsi dell’oggetto del desiderio, sempre irraggiungibile

4.4. il rovesciamento delle aspettative e il fallimento dei progetti

5. Personaggi

5.1. Angelica: ha la tradizionale fisionomia di donna bellissima e astuta, abile a usare il suo fascino per abbindolare gli uomini

5.1.1. Ariosto la presenta come una donna altera e cinica, è un personaggio estremamente ambiguo.

5.2. Rinaldo: cugino d’Orlando, è un paladino valoroso quanto lui ed a lui contende l’amore di Angelica

5.2.1. il suo cavallo è chiamato Baiardo, è dotato di grande intelligenza ed è in particolare in grado di pensare come un umano.

5.3. Orlando: un conte, è il più forte paladino dell’esercito cristiano dei Franchi ed è nipote di Carlo Magno

5.3.1. il corpo di Orlando è invulnerabile per incanto, il punto debole è rappresentato dalla pianta dei piedi

5.4. Ferraù: è un cavaliere moro che mira ad impossessarsi dell’elmo d’Orlando

5.4.1. il suo corpo è invulnerabile per incanto, il suo punto debole è però l’ombelico.

5.5. Sacripante: è il re di Circassia e come molti altri paladini è innamorato di Angelica

5.5.1. il cavaliere ha sempre servito lealmente la principessa, ma lei lo usa sempre e solo per soddisfare le proprie voglie o scopi

6. Struttura

6.1. il poeta utilizza l’ironia come chiave di interpretazione della realtà

6.2. utilizza inoltre l’abbassamento, cioè la diminuzione della dignità epica dei personaggi ( es. “ un cavallier ch’a piè venia”)

6.3. è un poema che presenta il tema cavalleresco e amoroso ed è scritto in ottave

6.4. la mutevolezza degli eventi è resa con la tecnica dell’entrelacement

7. Intreccio

7.1. 1- Orlando e Rinaldo sono innamorati della bella Angelica. Carlo la affida al duca Namo di Baviera

7.2. 2- i saraceni vincono la battaglia sotto Parigi e Angelica fugge

7.3. 3- Angelica incontra nel bosco un cavaliere appiedato, Rinaldo in cerca del suo cavallo Baiardo e lo riconosce come un suo spasimante e fugge tremante nella foresta

7.4. 4) si arresta ad un ruscello dove il cavaliere pagano Ferrau si disseta dopo la battaglia, perde l'elmo sottratto ad Argalia e si offre di prestar aiuto ad Angelica di cui è innamorato

7.5. 5) Ferraù e Rinaldo si affrontano in duello, Angelica intanto fugge a cavallo e accortisi della fuga della donna i due cavalieri abbandonano la lotta e la inseguono

7.6. 6) prosegue la fuga di Angelica, si arresta in una radura isolata nel bosco, dove sembra trovar pace ma Angelica vede Sacripante ma non comprende le sue intenzioni e non si fida delle parole del cavaliere

7.7. 7) Sacripante tenta di approfittare di lei ma all’improvviso giunge Bradamante ( eroina cristiana ) e difende Angelica

7.8. 8) infine arriva il cavallo Baiardo che vaga in cerca di Rinaldo e Angelica, successivamente arriva Rinaldo e Angelica fugge di nuovo