IL DOPO GUERRA DELL'ITALIA

Get Started. It's Free
or sign up with your email address
Rocket clouds
IL DOPO GUERRA DELL'ITALIA by Mind Map: IL DOPO GUERRA DELL'ITALIA

1. CRISI

1.1. ECONOMICA

1.2. SOCIALE

2. CONDIZUIONE AGRICOLA

2.1. DIMINUITA

2.2. CONTADINI ARRUOLATI ALL'ESERCITO

3. INDUSTRIA SENZA NECESSARIO PER RITORNARE ALLA PRODUZIONE

3.1. AZIENDE DECISERO DI

3.1.1. ABBASSARE I SALRI

4. SPESE SOSTENUTE DURANTE LA GUERRA E I DEBITI CON LA FRANCIA, INGHILTERRA E STATI UNITI

4.1. COSTRINGEVA LO STATO AD UNA POLITICA DI BILANCIO MOLTO RESTRITTIVA

5. ALLA DISOCCUPAZIONE SI AGGIUNSE UN AUMENTO DEI PREZZI DEI PREZZI DI BENE

6. CRISI ECONOMICA CAUSO

6.1. CRISI SOCIALE

6.1.1. MILIONI DI REDUCI (PERSONE TORNATE DALLA GUERRA)

6.1.1.1. I CONTADINI DIEDERO VITA AD UN VASTO MOVIMENTO DI OCCUPAZIONE DEI LATIFONDI

6.1.1.1.1. SI IMPADRONIRONO DELLE TERRE NON COLTIVABILI E SI STABILIRONO LI

6.1.1.1.2. GLI OPERAI REAGIRONO ALLE CHIUSURE DELLE FABBRICHE E ALLA DIMINUZIONE DEI SALARI

6.1.1.2. RISCONTRARONO ENORMI DIFFICOLTA AD INSERIRSI NELLA VITA CIVILE

6.1.2. PROTESTE VIOLENTE E PROLUNGATE

6.1.2.1. CHE IL 1919 E IL 1920

6.1.2.1.1. PASSARONO ALLA STORIA ITALIANA COME

7. CRISI ECONOMICA E SOCIALE

7.1. DISPONIBILITA DI DENARO E DI CAPACITA DI SPESA NON ERANO SUFFICIENTI

7.1.1. A SOSTENERE I CONSUMI PER LA PRODUZIONI

8. BIENNO ROSSO

8.1. MASSIMO PUNTO DI TENSIONE NEL SETTEMBRE 1920

8.1.1. SCIOPERANTI OCCUPARONO 600 FABBRICHE E NE BLOCCAVANO LA PRODUZIONE

8.1.1.1. STRATEGIA PROMOSSA DALLA FEDERAZIONE DEGLI OPERAI METALLURGICI (FIOM)

8.1.1.1.1. SOSTENUTA DALLA CONFEDERAZIONE GENERALE DEL LAVORO (CGL)

9. NELLE AZIENDE I CONSIGLI DI FABBRICA NATI SUL MODELLO SOVIET IN RUSSIA

9.1. SI DIFFUSE IL TIMORE CHE NEL NOSTRO PAESE STESSE PER VERIFICARSI UNA RIVOLUZIONE SOCIALISTA

10. I PARTITI DI MASSA

10.1. NEGLI ANNI VENTI

10.1.1. AUMENTARONO GLI SCRITTI AL

10.1.1.1. PARTITO SOCIALISTA ITALIANO(PSI)

10.2. NEL 1919

10.2.1. NACQUE IL PARTITO POPOLARE ITALIANO (PPI)

10.2.1.1. FONDATO DAL SACERDOTE LUIGI STRUZZO E ISPIRATO AI PRINCIPI

10.2.1.1.1. DEL CATTOLICESIMODEMOCRETICO

10.2.1.2. PPI SI OPPONEVA

10.2.1.2.1. ALLA DIFESA DEGLI STRATI PIU DEBOLI DELLA SOCIETÀ

10.2.1.2.2. SI RIFIUTAVA ALLA ROTTURA TRAUMATICA DELL'ORDINE COSTITUITO

10.3. AVANZATA DI QUESTI PARTITI FU FAVORITA DAL NUOVO SISTEMA ELETTORALE

10.3.1. ASSEGNAVA UN NUMERO DI SEGGI PROPORZIONALI AI VOTI OTTENUTI

11. ELEZIONI DEL 1919

11.1. IL PSI CONQUISTO 156 SEGGI

11.2. IL PPI CONQUISTO 100 SEGGI

11.3. LE DIFFERENZE IDEOLOGICHE TRA PSI E PPI RENDEVANO IMPOSSIBILE

11.3.1. LA FORMAZIONE DI UNA ALLEANZA DI GOVERNO

11.4. GUIDA DEL GOVERNO AFFIDATA AI LIBERALI

11.4.1. PRIMA A SAVERIO NITTI

11.4.1.1. POI A GIOVANNI GIOLITTI

11.4.1.1.1. AFFRONTO LA CRISI SOCIALE DEL 1920 CON LA SUA ASTUTA STRATEGIA

12. CAUSA DELLA DIFFUSIONE DEI NAZIONALISTI

12.1. ITALIA NON AVESSE RICEVUTO UNA COMPENSA ADEGUATA PER LA

12.1.1. VITTORIA NELLA GRANDE GUERRA

12.1.1.1. QUESTIONI PIU COMPLICATA ERA RAPPRESENTATA DALLA CITTA

12.1.1.1.1. DI FIUME SULLA GUALE AVANZARONO PRETESE SIA ITALIANE SIA DEL NUOVO STATO IGOSLAVIA

12.1.1.1.2. MATURO LA COSIDETTA IMPRESA DI FIUME